Istruzione 4.0

Istruzione 4.0
Istruzione 4.0

Abbiamo seguito il convegno “Strategie educative per i diversi stili di apprendimento” all’Università IULM di Milano. Tra i relatori, l’Onorevole Valentina Aprea, membro della Commissione Cultura della Camera dei deputati.

Condividiamo il suo pensiero in merito a istruzione e formazione di fronte alla quarta rivoluzione industriale. La scuola italiana è troppo spesso ostile a un costruttivo ricambio generazionale, avversa a colmare l’enorme divario digitale che la distingue negativamente da altre realtà europee. Una situazione preoccupante.

Nel 2020 avremo 200 milioni di nuove opportunità lavorative. E saranno richieste nuove conoscenze e competenze, che la scuola oggi non è in grado di garantire. Stiamo parlando di problem solving, pensiero critico, team working, coding, intelligenza emotiva e negoziazione: sono le competenze più richieste nei prossimi due anni, escluse dai piani formativi scolastici italiani. La tecnologia non è una minaccia, è opportunità.

L’istruzione italiana deve rinnovare sé stessa e le proprie strategie d’insegnamento. E deve farlo subito. Perché il futuro del nostro Paese dipende da preparazione e conoscenza, non da un reddito di cittadinanza.

Condividi

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
shutterstock_326725514

Leader si nasce o si diventa?

L’espressione della leadership è cambiata nel tempo ed è destinata a un processo evolutivo continuo.
cambiamenti-climatici

Cambiamenti climatici, sfida di coscienza

Il cambiamento climatico è scientificamente dimostrato. Allarmanti gli effetti sulle economie, sui sistemi produttivi e sulla vivibilità del pianeta. Ma più preoccupante è la diffusa inconsapevolezza.
RESPONSABILITA

Responsabilità è libertà

La responsabilità è un valore fondamentale, ma spesso male interpretato. Cosa significa davvero essere responsabili?
COPERTINA

Rivista Rotary, raccontare il bene     

Ogni mese la rivista Rotary Italia viene prodotta grazie al lavoro di uno staff dedicato, si compone di parole e di immagini che raccontano storie diverse con un denominatore comune.